Avellino, M5S lancia la sfida finale
nel vecchio feudo democristiano

di Generoso Picone

Dai muri sono scomparsi i poster con il bacio tra Ciriaco De Mita e Nicola Mancino, frottage di un impenitente emulo di Mimmo Rotella sull'esempio di quello che a Roma vedeva avvinghiati Luigi Di Maio e Matteo Salvini e qui sigilla la ritrovata intesa con l'annuncio nel fumetto «E non ci lasceremo mai», ma tra i manifesti elettorali sbuca ancora il simbolo storico della Dc, la donna turrita a impersonare l'Italia che si protegge con lo scudo crociato dalla falce e martello. Roba d'altre epoche, l'ultima volta era apparso nel 1992 e poi era andato nel ripostiglio della Prima Repubblica: lo ha riproposto Gianfranco Rotondi, segretario di Rivoluzione Cristiana, per la lista a sostegno del candidato sindaco di centrodestra Sabino Morano. Lui dovrà fare a meno di Matteo Salvini, il neoministro leader leghista ha fatto sapere che per intuibili sopravvenuti impegni non potrà essere al comizio di chiusura di campagna elettorale: giustificato, verrà appena possibile.

Di Maio ci sarà, invece. Il capo politico del M5S, appena nominato ministro nel governo di Giuseppe Conte, arriverà venerdì a lanciare la volata di Vincenzo Ciampi verso Palazzo di Città. Lui ad Avellino ci è nato - il 6 luglio 1986 però per ragioni soltanto di ospitalità clinica: ma su Avellino ha posto la bandierina della roccaforte da conquistare al centrosinistra, per farne il primo capoluogo di provincia della Campania amministrato dai Cinque Stelle, e verificare la tenuta del movimento dopo la svolta di Palazzo Chigi in un test di verifica dei poteri che va anche oltre il significato politico-amministrativo e assume il valore simbolico la cui ragione sta proprio in quella prova di street art beffarda e irriverente.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Martedì 5 Giugno 2018, 10:43
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP