Migranti, l'accoglienza truffa
latte tagliato con acqua sporca

ARTICOLI CORRELATI
di Gigi Di Fiore

  • 700
Un affare che cresce con l’emergenza. Più migranti da sistemare, più centri pronti e disponibili ad accoglierli, più guadagni. L’inchiesta della Procura di Benevento guidata da Aldo Policastro, che è stata coordinata dal procuratore aggiunto Giovanni Conso e dal pm Filomena Rosa, ha aperto uno squarcio su un mondo dove ad arricchirsi sono alcuni gestori di centri di accoglienza sulla pelle dei migranti. Strutture che non rispettano le regole, che vanno al risparmio, su cui non ci sono stati controlli. Strutture, sempre le stesse, che con connivenze in Prefettura e soffiate ottenute da un carabiniere in servizio a Montesarchio e un impiegato di secondo livello della Procura, riuscivano a conoscere in anticipo le indagini sul loro conto e le verifiche di controllo programmate.
LE INTERCETTAZIONI
«Passate la cera» era la frase in gergo a telefono di Felice Panzone, avellinese di 59 anni, funzionario di Prefettura delegato alla gestione del settore centri di accoglienza. Avvertiva così i gestori dei centri amici, il giorno prima dei controlli fissati dall’alto commissariato delle Nazioni unite per i rifugiati. Succede nel febbraio del 2016. Panzone intercetta una mail che avvisa del monitoraggio fissato tre giorni dopo. Nella mail, un avvertimento: «Tutto deve avvenire a sorpresa, per cui nessun ente gestore dovrà essere avvertito». Il giorno dopo, Panzone avvisa invece Paolo Di Donato, «dominus e gestore di fatto» del consorzio «Maleventum», che raggruppa tredici centri di accoglienza. Tutti chiamati «Damasco» con numeri in successione. Il funzionario è l’infiltrato che, con le sue soffiate, i mancati controlli, le agevolazioni sullo smistamento dei migranti favorisce i centri di accoglienza «amici». 
«Ci siamo trovati di fronte ad un vero e proprio business con i migranti parti offese, che venivano ospitati in condizioni disumane» commenta il procuratore capo, Aldo Policastro. Oltre sei milioni netti l’accredito nel 2016 al consorzio «Maleventum». L’anno prima erano stati poco meno di cinque . Nel suo interrogatorio, Giuseppe Mercurio, dipendente del centro Damasco nove, ha raccontato: «Il cibo fornito agli stranieri è di scarsissima qualità e quantità. La sera sempre riso con uova o pollo. A colazione invece gli dò del latte, che devo diluire con acqua, altrimenti non è sufficiente per tutti».
IL CIBO
Latte annacquato, una struttura era persino senza acqua corrente sostituita da acqua prelevata da un pozzo alimentato dalle piogge. Nel sistema di controlli inesistenti, è illuminante la conversazione telefonica tra il solito Felice Panzone e Cosimo Matarazzo, gestore di un altro centro. Commentano una verifica ad un centro gestito da un’altra persona. Panzone chiede come gli è andata. E Matarazzo risponde: «Abbastanza bene, perché dice che gli hanno trovato solo un po’ la cucina sporca e deve fare un altro bagno». Panzone, che dovrebbe essere il controllore, dimostra di conoscere bene la situazione e dice: «Quella è una chiavica, quella cucina eh!...è appena sufficiente».
IL BLUFF
Per guadagnare di più, secondo gli inquirenti, veniva attestata la presenza di immigrati che in realtà si erano allontanati dal centro. Diciassette i casi accertati. Giovani trovati a Palermo, come a Roma, o a Civitella Marche mentre risultavano presenti in vari centri sanniti. Per ogni migrante, infatti, ogni giorno la Prefettura riconosce 35 euro. Di questa cifra, 2,50 euro sono il famoso pocket money che spetta al migrante. Soldi che molto spesso non sono stati consegnati a chi ne aveva diritto. Due responsabili dei centri, Carmelo Rame e Giovanni Pollastro, ne parlano a telefono. Dice Pollastro: «Mi sono dimenticato il pocket money del ragazzo che manca». Carmelo Rame chiede cosa ne deve fare. E Pollastro gli dice: «Sono 75 euro, 60 te li prendi tu e 15 me li dai domani». Nel mancato controllo di chi era presente nel centro, i pocket money finivano nelle tasche dei responsabili. In un’altra conversazione, sempre Carmelo Rame invita i collaboratori a non esagerare ad attestare presenze di chi non si trova nel centro: «Non deve firmare, quello ci manca da più di una settimana, sono due settimane, lo sai, no?».
I DOSSIER
La capacità di ottenere informazioni riservate è valore aggiunto per i gestori dei centri. Salvatore Ruta, carabiniere irpino in servizio a Montesarchio, è finito agli arresti domiciliari perché avvertiva Di Donato dei controlli dei Nas di Salerno dove lavora il figlio. Stessa disponibilità dava Giuseppe Pavone, impiegato beneventano della Procura, che ha fornito informazioni sulle inchieste in corso sui centri. Ma non era solo il «Maleventum» a ricevere un occhio di riguardo. Anche Angelo Collarile, quinto indagato finito agli arresti domiciliari, gestore di fatto della «Luanfra srls», secondo la Procura riusciva ad eludere i controlli. E davvero indicativa appare la telefonata di Felice Panzone con l’amica Rosita. Mostra il suo disappunto per essere stato trasferito dalla Prefettura a causa dell’ndagine sul suo conto. Trasferito al commissariato di polizia di Ariano Irpino «a non fare un cazzo» dice. E spiega: «Praticamente è risultato che io l’avrei chiamato...secondo la Procura della Repubblica questo qua degli agganci romani...». E ancora: «Io avrei chiamato una ditta per dire guarda che domani verranno nelle tue strutture con l’ufficio dell’alto commissariato dell’Onu per i rifugiati, quindi non ci far fare brutta figura».
LA TALPA
Panzone nel suo incarico in Prefettura riusciva a consigliare i gestori dei centri, indicare ditte e persone da assumere. E si era reso talmente conto di quanto convenisse mettersi nel giro da aver pensato, come scrive il gip, di aprire un centro di accoglienza con Cosimo Matarazzo a Montecalvo Irpino da chiamare «Casa Maria». Un progetto fallito per mancanza di requisiti dell’immobile individuato. Ma sempre Panzone si vantava a telefono con un’altra amica, Maria Rita: «Sono il più bravo, nel mio piccolo, una merda di Fantozzi, eppure una settimana fa nel mio ufficio c’era il questore. Tengo il capo di gabinetto che mi porta i giornalisti. Tuo figlio vuole guadagnare diecimila euro al mese? È semplice: 10 migranti; diecimila euro al mese lordi, utili 30-35 per cento. Tu me lo mandi, io gli spiego come si fa e gli faccio aprire un centro di accoglienza a Benevento». Eccolo qui, nella sua semplicità, il business migranti che prospera sull’emergenza. Conclude il gip Gelsomina Palmieri, che ha firmato i 5 arresti domiciliari e i 5 sequestri di centri di accoglienza inadeguati: «È emerso un lucrosissimo ed illecito business collegato al servizio di accoglienza immigrati nella provincia di Benevento, con enormi profitti per i gestori dei centri, con la sottrazione di risorse pubbliche destinate a quest’attività e la complicità di pubblici ufficiali infedeli». Trentasei, oltre i cinque ai domiciliari, gli indagati. Soprattutto responsabili dei singoli centri.
Venerdì 22 Giugno 2018, 08:35 - Ultimo aggiornamento: 22-06-2018 13:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP