Escalation di furti: è psicosi,
la gente spara dai balconi

di Mary Liguori

Nel mese di dicembre trenta furti tra Piedimonte Matese, Alife e San Potito Sannitico. Appena tramonta il sole, e fino alla mezzanotte, alla centrale operativa dei carabinieri arrivano però, in media, cento richieste di aiuto da parte di cittadini terrorizzati insospettiti dalla presunta presenza di qualcuno in giardino o nei campi che circondano casa. È panico nell'Alto Casertano dove l'effettiva escalation di furti, quelli registrati sono il doppio rispetto ai casi dell'anno scorso, sta scatenando una vera e propria psicosi al punto che i cacciatori, che in casa hanno carabine, doppiette e fucili automatici, non ci pensano su due volte prima di imbracciare le armi e fare fuoco dal balcone di casa. Contro il vuoto, perché fortunatamente fino ad ora non ci sono stati feriti o perlomeno non se ne ha notizia, tuttavia la piega che stanno prendendo gli eventi è perlomento allarmante. Da un lato la caccia alle bande che stanno razziando le case dell'Alto Casertano, dunque, dall'altro il ricorso sconsiderato alla «giustizia fai da te» che include una serie inquietante di spari notturni a opera di cittadini pronti a tutto pur di tutelarsi. E, ancora, le ronde non autorizzate che contribuiscono solo a creare ulteriore confusione. C'era una volta il Matese, un paradiso di montagna dove l'aria è frizzante, la gente tranquilla, il cibo genuino e dove si andava a dormire con «le porte aperte» perché «qui ci conosciamo tutti». I tre comuni colpiti dal fenomeno furti contano, in tutto, 20mila abitanti. Oggi c'è una situazione di panico che sta tenendo sulle corde cittadini, amministratori, imprenditori e forze dell'ordine. Due le indagini in corso. La prima punta ovviamente a catturare le bande di ladri. Finora uno solo l'arresto messo a segno: in cella è finito un rumeno, bloccato dopo aver tentato di penetrare in un'azienda di Ailano. I suoi tre complici sono tutt'ora in fuga. Ma a seminare il panico sono più bande, forse collegate tra loro. C'è anche il sospetto che tra le centinaia di segnalazioni al 112, ci siano anche quelle dei ladri stessi che denunciano furti inesistenti per attirare le forze dell'ordine in luoghi diversi da quelli in cui stanno rubando.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 5 Gennaio 2018, 11:17 - Ultimo aggiornamento: 05-01-2018 11:17
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP