«Colera, primi sintomi in aereo:
madre e figlio mai rientrati a casa»

di Nicola Rosselli

0
  • 125
SANT'ARPINO - Dall'aeroporto di Capodichino direttamente in ospedale. Madre e figlio mai tornati a Sant'Arpino, nessuna altra tappa al rientro dal Bangladesh. Il malore già in aereo e dunque la necessità di fare ricorso alle cure degli specialisti soprattutto per il bambino di soli due anni per il quale sono state isolate vibrioni del colera nelle feci. Una circostanza che fa tirare un sospiro di sollievo nella cittadina alle porte di Aversa dove risiede da anni la famiglia bengalese. Ma mette un argine anche tensioni e paure, anche perché in queste ore le autorità sanitarie e le Asl stanno facendo chiarezza sulle modalità di diffusione dell'eventuale contagio e delle moderne metodologie per batterlo. Per non dire della prevenzione attuata sui familiari del piccolo e della mamma rientrati in Italia lunedì, il papà e gli altri due figli prima di tutto.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 5 Ottobre 2018, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 05-10-2018 16:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP