Napoli «città libro», è qui la festa della lettura

ARTICOLI CORRELATI
di Giovanni Chianelli

  • 83
Back home. Si torna a casa: a 9 anni dalla fine di Galassia Gutenberg, Napoli ha un nuovo festival del libro. Da oggi a domenica, nel complesso monumentale di san Domenico Maggiore, al via il salone del libro e dell'editoria. Si chiama «Napoli città libro. Leggere una storia nuova» ed è un'idea del comitato Libera@rte di cui fanno parte gli editori Diego Guida, Alessandro Polidoro, Rosario Bianco. Quattro giorni che sembrano un anno: «Dalla primavera 2017 stiamo lavorando alla creazione di un salone» dice Guida, pensando ai 300 momenti - incontri con l'autore, reading, letture teatralizzate, esibizioni artistiche e canore, laboratori per bambini, firma copie e 110 stand, di editori nazionali e locali, messi in campo.

Back home, si diceva: «Questo uno dei possibili fili conduttori della rassegna. Da più punti di vista: un ritorno dopo anni di assenza di un festival importante in una città che fa molta letteratura. E insieme il leit motiv di incontri con autori, come alcuni poeti italoamericani che, simbolicamente, tornano a casa» dice il giornalista Francesco Durante, direttore artistico del salone. Alle 17.30 il taglio del nastro. Presenze istituzionali ai massimi livelli: Roberto Fico, presidente della Camera, il governatore Vincenzo De Luca, il sindaco Luigi de Magistris, il presidente nazionale dell'associazione italiana editori Ricardo Franco Levi e il questore Antonio de Jesu. Moltissimi gli ospiti: Michele Ainis, Franco Arminio, Alessandro Barbano, Marco Boato, Fortunato Cerlino, Claudio Cerasa, Cristina Comencini, Nando Dalla Chiesa, Enrico Deaglio, Giancarlo De Cataldo, Diego De Silva, Chiara Francini, Tony Laudadio, Anna Marchitelli, Claudio Martelli, Gianni Molinari, Silvio Muccino, Sandra Petrignani, Rosella Postorino, Guido Pocobelli Ragosta, Sergio Rizzo, Marcello Simoni, Matteo Strukul, Gino (Vignali) senza Michele. E quelli internazionali: Friedrich Ani, Ali Bader, Simone Buchholz, Michael Frank, i poeti italoamericani Peter Covino, Annie Lanzillotto e Jay Parini, ancora Tim Parks, Farian Sabahi. Spazio anche al teatro, alla musica, allo spettacolo con Enzo Moscato, Markus Stockhausen, The Jackal, Gigi e Ross e Mr Distruggere.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 24 Maggio 2018, 07:00 - Ultimo aggiornamento: 24-05-2018 10:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP