Cassazione conferma: seimila euro di multa all'Agenzia delle Entrate per avere diffuso le dichiarazioni dei contribuenti

Seimila euro di multa, all'Agenzia delle Entrate, per aver violato la privacy fiscale degli italiani mettendo on-line, a disposizione della curiosità di chiunque, le dichiarazioni dei contribuenti per l'anno 2005 comparse - con grande clamore mediatico e strascico di polemiche - sul sito della stessa agenzia, che in questo modo pensava di incrementare la lotta all'evasione promuovendo il reciproco 'controllò, ossia la delazione dei vicini di casa o dei colleghi di lavoro, nel marzo del 2008.

La Cassazione ha infatti confermato la multa 'light' stabilita dal Tribunale di Roma il 25 gennaio del 2013 e ha respinto il ricorso del Codacons che sosteneva che l'immensa platea dei contribuenti messi a nudo su internet aveva diritto a ricevere un risarcimento danni complessivo di venti miliardi di euro. La Suprema Corte ha escluso che possa esserci una
class actionper violazione della riservatezza, materia che ammette ricorsi promossi dalle singole persone e non dalle associazioni, come il Codacons. Respinto anche il reclamo dell'Agenzia delle Entrate che ha continuato a insistere sul fatto che «consentire una conoscenza generale, da parte di chiunque, degli elenchi nominativi dei contribuenti e degli imprenditori e professionisti, serviva appunto a promuovere il controllo più diffuso possibile da parte della comunità, sull'adempimento degli obblighi tributari e quindi anche a stimolare il rispetto degli stessi». Insomma, per l'agenzia la pubblicazione on-line dei redditi degli italiani era il meccanismo che «meglio permetteva di diffondere in modo capillare i dati reddituali e così di raggiungere il maggior numero possibile di cittadini, dai quali trarre informazioni utili a far emergere il reddito imponibile reale».
Tuttavia, ha obiettato la Suprema Corte, anche nel 2008 per portare avanti un'azione del genere era pur sempre necessario il consenso preventivo di ogni singolo contribuente, e l'Agenzia delle Entrate avrebbe ad ogni modo dovuto consultare il Garante della privacy prima di esporre tutti alla gogna fiscale. «È evidente - scrive la Cassazione - che l'Agenzia delle Entrate sia andata ben al di là dei propri obblighi allorquando ha disposto l'ulteriore pubblicazione degli elenchi dei contribuenti sul suo sito internet», così operando il direttore dell'agenzia ha dato il via libera a una 'glasnost' dei redditi «che oltre a non essere prevista» da alcuna norma, «era potenzialmente idonea a danneggiare i singoli ed ha ampiamente oltrepassato i vincoli territoriali e temporali» prescritti dal dpr 600 del 1973 e 633 del 1972. In questo modo sono state violate le norme che «miravano a scongiurare una consultazione indiscriminata» dei dati fiscali. La legge 113 del 2008 ha riorganizzato la materia, ricorda infine il verdetto 15075 della Prima sezione civile - escludendo gogne fiscali e prevedendo che i dati sui redditi siano consultabili solo da chi ha un interesse «qualificato» per farlo e ciò può avveniere solo presso l'ufficio delle imposte territorialmente competente o il Comune di residenza del contribuente oggetto di
studio”.
Lunedì 11 Giugno 2018, 22:48 - Ultimo aggiornamento: 11-06-2018 23:19
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
1 di 1 commenti presenti
2018-06-12 10:28:40
Premesso che le gogne non sono mai giuste, secondo me siamo di fronte alla solita sentenza di compromesso: la Corte avrebbe potuto considerare il fatto come legittimo, ma se lo riconosce come illecito allora la logica vorrebbe tutt'altra sanzione, trattandosi di un fatto dalle implicazioni gravissime (6.000 euro è l'importo della multa che si dà al panettiere quando non ha rispettato qualche oscura normativa fiscale; qui siamo di fronte allo stravolgimento della privacy di milioni di persone...). In ogni caso resta comunque l'amaro della constatazione che Lapo Elkann nel 2007 dichiarava 80.000 euro all'anno (mi sono sempre chiesto come abbia fatto a far fronte alle sole spese di sartoria ed a quelle di rifornimento e manutenzione della sua Lamborghini). Quand'anche avesse legittimamente investito tutto il suo reddito in titoli tassati alla fonte, è evidente che nel nostro sistema fiscale c'è qualcosa che non torna e che il problema (etico, prima ancora che pratico) non è l'evasione dei piccoli, ma l'elusione dei grandi. O no?

QUICKMAP