Cassazione: «Sì ai licenziamenti di lavoratori vicini alla pensione»

di ​Michele Di Branco

3
  • 102
A un passo dalla pensione, ma licenziati lo stesso. Lavoratori maturi a rischio esubero anche se manca poco tempo al raggiungimento dei requisiti di legge necessari per andare a riposo. È quanto ha stabilito la Cassazione, smontando con una sentenza una prassi che appariva scolpita sulla pietra da molti anni. I giudici di Piazza Cavour hanno infatti sancito che i lavoratori anziani non godono di alcun ombrello protettivo e che possono essere inseriti, al pari di tutti i loro colleghi, nella lista degli esuberi negoziati tra l'azienda e i sindacati in base agli accordi collettivi. Un elemento, quest'ultimo, che non rappresenta una forma di discriminazione anche se l'impresa non è in crisi. Anzi, secondo la Cassazione questa scelta è addirittura preferibile rispetto all'allontanamento di un dipendente più giovane, in quanto «il criterio della prossimità al trattamento pensionistico consente di ridurre al minimo l'impatto sociale della riorganizzazione, salvaguardando i lavoratori che non potrebbero beneficiare, a seguito del licenziamento per riduzione di personale, della protezione sociale garantita dal prepensionamento».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Mercoledì 10 Ottobre 2018, 07:30 - Ultimo aggiornamento: 10-10-2018 13:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
3 di 3 commenti presenti
2018-10-10 23:42:00
non dimentichiamo che un operaio licenziato ha diritto a 24 mesi di paga contribuita dalla ditta , poi disoccupazione speciale e in fine pensione. Qual'è il problema?
2018-10-10 13:05:25
Una cosa che il giudice di cassazione non ha pensato e che un'azienda che licenza un dipendente prima dei 2 anni non può assumere forze nuove. Così si perdono ulteriori posti di lavoro.
2018-10-10 08:49:39
il lavoratore anziano avrà sicuramente molte più problematiche da affrontare, essendo magari unico sostegno economico della famiglia, da quello giovane che avrà più chanche di ricollocarsi nel mondo del lavoro. COMUNQUE NESSUNO DOVREBBE ESSERE LICENZIATO CON SIMILI MOTIVAZIONI!

QUICKMAP