La Jaguar Land Rover interrompe la produzione: «Pausa di due settimane». Ecco cosa sta succedendo

La Jaguar Land Rover interrompe la produzione: «Pausa di due settimane». Ecco cosa sta succedendo
ARTICOLI CORRELATI
0
  • 11
La più grande casa automobilistica britannica, la Jaguar Land Rover - da qualche anno proprietà della indiana Tata Motors - ha annunciato che interromperà la produzione per due settimane per via di un crollo della domanda di automobili. Il mercato globale ‘fluttuante’, hanno annunciato dalla JLR, ha portato alla sofferta decisione di chiudere uno dei suoi stabilimenti, a Solihull, dal 22 ottobre per una quindicina di giorni.

Secondo i dati comunicati dalla società, la vendita a settembre è stata di 57.114 veicoli, un calo del 12,3% rispetto al settembre di un anno fa: colpa anche del calo della domanda di auto diesel per via del dibattito sulle emissioni. Una situazione «profondamente preoccupante», hanno commentato i sindacati, sebbene i lavoratori saranno comunque pagati anche con gli impianti chiusi.

L’azienda, ha dichiarato un portavoce, «si concentra sul raggiungimento di efficienze operative e allineerà l’offerta per riflettere la domanda a livello globale come richiesto». La decisione di chiudere, comunica ancora la Jaguar Land Rover, «è un esempio delle azioni che stiamo intraprendendo per raggiungere gli obiettivi. Gli ordini dei clienti non subiranno alcun impatto e i lavoratori saranno pagati per tutta la durata della temporanea chiusura».

Non è solo la Jaguar Land Rover ad aver risentito di un calo: in generale le vendite di auto nuove sono diminuite del 5,7% nel Regno Unito, un crollo dovuto, scrive l’Independent, sia alle preoccupazioni per l’ambiente legate alle emissioni diesel, sia all’impatto della Brexit sull’economia britannica.
Martedì 9 Ottobre 2018, 13:51 - Ultimo aggiornamento: 09-10-2018 14:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP