L'Ue boccia la manovra, dubbi su crescita e debito. Moscovici: «Rischio per l'Europa»

ARTICOLI CORRELATI
25
  • 359
Non è più solo una guerra di cifre: quello tra la Commissione europea e il Governo è ormai uno scontro su due visioni opposte dell'economia, delle prospettive, delle regole che tengono insieme l'Eurozona. Per Roma la manovra del popolo spingerà la crescita all'1,5% l'anno prossimo, mettendo fine all'austerity. Per la Ue avrà invece un impatto addirittura negativo sul Pil, e porterà il Paese verso nuova austerità. 

LEGGI ANCHE Salvini: «Lettera Ue, aspetto quella di Babbo Natale»

Vista la distanza che separa le due capitali, e visto che la manovra rivista lascia i target invariati, Bruxelles ha deciso di fare il primo passo ufficiale verso l'apertura della procedura per debito eccesivo, spiegando perché ora «è giustificata». Ma c'è ancora margine di manovra per evitarla. Il premier Conte proverà a sfruttarlo sabato sera, nella cena con il presidente Juncker. Al quale intende spiegare perché «andiamo avanti, convinti che questa sia la strada migliore anche per ridurre il debito».

Ma prima il premier dovrà riferire alla Camera, dove le opposizioni si sono fatte sentire. Anche i due vicepremier confermano la rotta. Per Salvini si va avanti su «diritto al lavoro, alla salute e allo studio, meno tasse e più sicurezza». Prima ironizza: «la lettera? aspetto quella di Babbo Natale».

Poi all'Europa chiede «rispetto per il Popolo Italiano, visto che paghiamo ogni anno almeno 5 miliardi in più di quello che ci torna indietro». Di Maio invece prova ad accorciare le distanze con la Ue: «Vogliamo la stessa cosa: ridurre il debito. E l'Unione europea si convincerà che, per raggiungere l'obiettivo, abbiamo scelto l'unica strada che funziona: aiutare le famiglie e le imprese, creare nuove opportunità di lavoro per i giovani». Il ministro dell'economia Tria, complice forse il calo dello spread sotto i 310 punti e la borsa di Milano che rimbalza, minimizza: parla di «divergenza contenuta sul deficit, di decimali» e interviene per assicurare che i piani del Governo mantengono «il totale controllo dei conti pubblici, nei limiti della moderata politica espansiva» necessaria per contrastare il rallentamento dell'economia. Torna a ribadire, poi, l'impegno sul calo del debito.

L'Italia in concreto, per il momento, non ha intenzione di fare concessioni alle richieste europee. Il flop del collocamento del Btp Italia non impensierisce e le opinioni restano le stesse sul Documento programmatico di bilancio del 23 ottobre: ridurre i target del deficit nominale, e portare il debito su un percorso di discesa agendo sul deficit strutturale. Perché «con quello che il Governo italiano ha messo sul tavolo, vediamo un rischio che il Paese cammini come un sonnambulo verso l'instabilità», ha detto il vicepresidente della Commissione Dombrovskis, il più duro nell'analisi economica della manovra. «Porterà nuova austerity» e «avrà un impatto negativo sulla crescita», dato che «non contiene misure significative per rafforzare il potenziale di crescita, anzi, possibilmente il contrario». Ma resta valido l'invito al dialogo. Anzi, secondo il commissario Moscovici, ora «è più importante che mai».

Non solo perché può evitare l'apertura ufficiale della procedura per debito, ma perché può tenere a bada i mercati, rassicurati da una Commissione che, come un vigile urbano, interviene per mantenere l'ordine nell'Eurozona, evitando effetti contagio. Prova ne è - fanno notare fonti europee - che lo spread oggi ha chiuso in netto calo a 309. Ma il clima rimane comunque teso, con Moscovici che, criticato nei giorni da Salvini, restituisce le accuse e attacca i toni usati dal vicepremier: «Salvini non è un eroe, per niente. Nessuna istituzione prevede le stime fatte. E non è serio». Lo spread - aggiunge poi - sale quando parla il governo italiano. Il dialogo, comunque, potrebbe servire anche a gestire i tempi della procedura, che Dombrovskis ritiene si possa avviare anche entro dicembre. Ma non è così scontato.

Entro 15 giorni gli sherpa dell'Ecofin devono dare l'ok all'opinione di Bruxelles, e solo dopo la Commissione potrà raccomandare l'apertura della procedura chiedendo allo stesso tempo una correzione dei conti da effettuare entro 3-6 mesi, a sua discrezione. Anche questo passaggio deve avere l'ok dell'Ecofin, entro il 1 febbraio. E si puntano già i riflettori sull'Ecofin previsto il 22 gennaio. Le sanzioni pecuniarie e lo stop dei fondi Ue sarebbe solo l'ultimo passaggio di un percorso che non potrà concludersi prima di fine aprile. Molto, forse troppo, a ridosso delle europee.
Mercoledì 21 Novembre 2018, 08:45 - Ultimo aggiornamento: 22 Novembre, 10:29
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 25 commenti presenti
2018-11-22 07:39:28
Ma un’informazione imparziale non dovrebbe riportare anche il fatto che larga parte di costoro tra meno di sei mesi, porterà a spasso il cagnolino?
2018-11-22 16:01:19
F A L S O ,tra sei mesi ci sono le elezioni,ma ''costoro'' resteranno in carica finche' non ci saranno i nuovi governanti frutto di accordi tra gli eletti,come in ogni parlamento accade.Ergo se non ci sara' accordo continueranno ad operare,altro che cagnolini..............................................................................
2018-11-21 20:30:40
La "manovra" bisognava farla valere all'epoca della "costituzione "della "pseudo europa dell'euro" !
2018-11-21 19:26:31
In Europa sono ignoranti e non capiscono nulla di economia. Gianni e Pinotto detengono una conoscenza e una lungimiranza economica che nessuno comprende. Sono geni incompresi.
2018-11-22 05:59:25
I nostri due amichi sono sempre in campagna elettorale.Faranno cosi' fino alle europee di maggio,che pensano di stravincere cosicche' si presenteranno nel parlamento dell'unione provando a farci pagare i nostri debiti dagli altri paesi . Che avendo gia' capito questa manovra ci hanno I S O L A T O fin da ora.Si credono furbi;beati loro....................................................................

QUICKMAP