Borse, dopo il voto al Senato lo spread torna a salire e sfonda quota 250

Lo spread vola a 253 punti base, riavvicinandosi ai livelli di guardia della scorsa settimana, sui timori per il programma economico del governo Conte e per l'avvicinarsi dell'addio della Banca centrale europea al quantitative easing. Il rendimento del decennale italiano è al 2,9%.

Piazza Affari, dopo un avvio in positivo, fa un brusco cambio di rotta e gira in calo con il Ftse Mib che cede l'1% a 21.535 punti. Il mercato resta in tensione dopo la fiducia al Senato del Governo Conte che oggi è atteso al voto della Camera. Ad incidere sul listino sono sempre le vendite sui bancari con Mps che lascia sul terreno l'1,99%, Unicredit l'1,44%, Intesa Sanpaolo -1,66%. Tiene invece Stm (+1,09%) sul buon andamento dei tecnologici a Wall Street
Mercoledì 6 Giugno 2018, 09:24 - Ultimo aggiornamento: 06-06-2018 10:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-06-08 22:01:09
non sono un economista ma credo che per far ripartire l'Italia bisogna eliminare gli ostacoli che frenano lo sviluppo delle imprese. Basta mettersi un attimo nei panni di uno straniero che voglia investire da noi e le differenze saltano subito agli occhi. Enumerarle qui sarebbe inutile,chi è ai posti che contano sa bene cosa fare
2018-06-06 17:03:04
spred a 126,31

QUICKMAP