Il bradisismo segreto: così il clima
e gli astri «muovono» la terra

ARTICOLI CORRELATI
di Mariagiovanna Capone

  • 63
Martedì notte sono state registrate due scosse nei Campi Flegrei, zona Pisciarelli, a distanza di pochi minuti l'una dall'altra. Il primo evento sismico (23.36 ora locale) ha raggiunto magnitudo 2.5 ed è stato localizzato a circa 2 chilometri di profondità. Il secondo, più lieve, appena tre minuti dopo, è stata valutato di magnitudo 1.4 a una profondità di 4 chilometri. Sebbene le magnitudo siano piuttosto basse, ad avvertire le scosse (in particolare la prima) sono stati molti cittadini della zona flegrea da Pozzuoli ad Arco Felice, Lucrino, Rione Toiano, Monterusciello e Quarto ma anche nella zona di Bagnoli e Fuorigrotta, Soccavo e Pianura. Lo spavento è stato tanto, anche in funzione del boato avvertito dalla popolazione che ha preceduto il primo evento sismico. Francesca Bianco, direttore dell'Osservatorio Vesuviano ricorda che «dal 2012 siamo in allerta a livello giallo, proprio perché è in corso un fenomeno bradisismico che comporta un sollevamento del suolo. E l'attività sismica di bassa intensità, accompagna questo sollevamento del suolo». Un sollevamento che ha raggiunto il livello massima di 30 centimetri dal gennaio 2014 ad oggi, e che nelle fasi di «picco» - come emerge da uno studio in via di ultimazione - pare sia legato anche a variazioni climatiche e astronomiche.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 20 Settembre 2018, 09:21 - Ultimo aggiornamento: 20-09-2018 09:25
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP