Guerriglia urbana con tegole e bottiglie, la denuncia: «A Napoli l'ira di un residente contro le babygang»

ARTICOLI CORRELATI
di Melina Chiapparino

9
  • 316
Guerriglia urbana nel centro storico di Napoli, dove i residenti si sentono sempre più ostaggio delle violenze di baby bang spavalde e prepotenti. L’ultimo episodio è avvenuto questa notte in vicoletto II San Giovanni Maggiore, alle spalle della basilica e del largo omonimi, punti di ritrovo per la movida dei giovanissimi nel fine settimana.

«Nel vicoletto, noto anche come "Vico piscio" - spiega Fabrizio Caliendo fondatore del Kestè e attivista civico che denuncia la vicenda sulla sua pagina Facebook – un residente ha assistito all’ennesimo violento pestaggio di un ragazzo ad opera di una gang ed ha cominciato a lanciare tegole dal tetto della Basilica di San Giovanni Maggiore per per fermare l’aggressione».
 
 

Nel giro di una manciata di secondi, come racconta Caliendo, i ragazzini del gruppo aggressore, hanno risposto alle tegole lanciando a loro volta delle bottiglie di vetro contro il residente ed anche alcuni passanti, si sono ritrovati in mezzo ad una specie di guerriglia urbana che è durata alcuni minuti, finché la babygang non è scappata via. «Sono riuscito a calmare il residente ma tutti gli abitanti sono esasperati - continua Caliendo - prima nel vicoletto c'era solo l’inciviltà di chi urinava in strada ma adesso la situazione é diventata pericolosa perché queste gang hanno preso possesso del vicolo e chiunque può essere infastidito o addirittura diviene il bersaglio di rapine e aggressioni fisiche così che i residenti diventano le vittime privilegiate di tutta questa violenza».

Da tempo, i cittadini del quartiere si lamentano della scarsa illuminazione, dello spaccio e delle cattive abitudini dell'utenza della notte ma la situazione non fa che degenerare salvo piccole soluzioni improvvisate dai privati, come lo staff del Kestè che pulisce con una pompa ad acqua ogni mattina ed ogni sera il vicoletto. «Serve luce, servono bagni pubblici e servizi, serve maggiore tutela e sicurezza- conclude Caliendo che è stato impegnato in progetto culturali per riqualificare la zona - tutto questo è noto ed è già stato riportato alle autorità competenti prima che possa esplodere una escalation di violenza e problemi questo è il nostro grido di allarme importante». Il ragazzo, di 26 anni napoletano, che ha riferito alla polizia di essere stato aggredito senza un motivo apparente nel vicoletto, è stato assistito all’ospedale Loreto Mare riportando una contusione alla spalla.

 
Sabato 17 Marzo 2018, 16:59 - Ultimo aggiornamento: 18 Marzo, 10:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2018-03-18 08:48:54
Hanno ucciso un povero vigilantes piscinola la città è senza governo. L incapacità di de magistris è irritante. Che pusillanime abbasta ca piazzato nel comune il fratello e parenti vari ... che ameba
2018-03-18 00:25:43
va bene una migliore illuminazione e quant'altro, ma lo stato dov'è, il prefetto, i carabinieri la polizia e tc etc a scendere fino ad arrivare alla società, alla famiglia, alla scuola e poi si ritorna di nuovo allo stato, lo stato in primis. cerchiamo di essere coerenti e non buttare la croce sempre su de magistris anche se piove o non esce il sole. ognuno faccia la sua parte ma su tutti lo stato, LO STATO. critiche giuste e costruttive e non di parte.
2018-03-17 20:56:34
servono leggi dure e repressive, lo volete capire o no, testardi come i muli? Serve una urgente revisione del codice penale, ripetopenale, e non civile come ha detto il grillino Buonafede, un altro che sembra che venga da Agnano, occorre introdurre nuovi reati come quello di violenza ed aggreesione da baby gang, punibile da 3 a 5 anni, senza sconti ed abbassare l'età della punibilità...altrimenti fujimmecenne!
2018-03-17 20:30:10
Non capisco tutti questi pollici versi a commenti piu' che corretti. La gente è stufa di questa situazione, sia di degrado che di mancanza di sicurezza. Vi sono una parte di giovani, il nosto futuro, che pensa di poter fare tutto quello che vuole senza il rispetto per nulla e di nessuno. Lo stato, l' amministrazione pubblica sono assenti e noi subiamo, subiamo, subiamo
2018-03-17 20:00:31
Caliendo ci spieghi allora perché il vice presidente della vostra associazione di barettari spara a zero contro i residenti e contro la presenza delle forze dell’ordine nelle zone di movida. Basti leggere le sue incredibili dichiarazioni contro i presidi delle FdO. Facile fare queste dichiarazioni ma poi nei fatti agite esattamente all’opposto visto che voi su questa feccia guadagnate soldi. Che ipocrisia...e poi ci chiediamo perché le notti di questa città son diventate il far west...la cultura è ben altra cosa che vendere alcolici

QUICKMAP