Comprarono biglietti dichiarandosi minorenni: indagati 29 della Brigata Carolina

  • 66
Hanno comprato biglietti online, dichiarando di essere minorenni, per assistere a Torino- Napoli del 14 maggio 2017 senza essere riconosciuti in caso di tafferugli. Per questo episodio, 29 tifosi napoletani del gruppo organizzato 'Brigata Carolinà sono ora accusati di sostituzione di persona in concorso. L'avviso di chiusura indagini è stato notificato loro alla vigilia di una nuova sfida tra Torino e Napoli, domenica al Grande Torino. Su indicazione del Comitato per la Sicurezza delle manifestazioni sportive, per quest'ultima partita è stata vietata la vendita di biglietti ai tifosi residenti nella provincia di Napoli.

Il raggiro era stato scoperto dai carabinieri della compagnia Mirafiori. Secondo le accuse gli ultrà napoletani, tutti tra i 22 e i 43 anni, si registravano sulla piattaforma online TicketOne fingendo di avere 12 o 13 anni. Gli investigatori sospettano che il gruppo abbia utilizzato l'espediente anche in altre occasioni, per accedere agli impianti sportivi di altre città italiane. I ventinove indagati, già destinatari di Daspo e già denunciati per episodi di violenza negli stadi, sono residenti a Napoli, Vicenza, Nocera Inferiore, Pozzuoli, Torre del Greco, Giugliano in Campania, Castello di Cisterna, Torre Annunziata, Nola. I carabinieri li hanno identificati grazie alle immagini delle telecamere di sorveglianza dello stadio.
Giovedì 20 Settembre 2018, 10:33 - Ultimo aggiornamento: 20-09-2018 13:53
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP