Napoli, uomo colpito da infarto
costretto a girare in tre ospedali

di Ettore Mautone

2
  • 523
Un uomo di 83 anni, residente a Bagnoli, colpito da infarto nei giorni scorsi ha fatto la spola tra l’ospedale San Paolo e il Loreto Mare per poi tornare al presidio di Fuorigrotta per mancanza di posti, ed essere infine dirottato a Caserta per ricevere cure. Il paziente ha accusato un forte dolore toracico: dopo l’allerta al 118, il personale sanitario dell’ambulanza, arrivata nei tempi previsti, ha praticato sul posto il tracciato elettrocardiografico come da prassi della neonata rete tempo dipendente per l’infarto. Al San Paolo di Fuorigrotta il paziente è stato stabilizzato e trasferito, sempre a cura del 118, al Loreto Mare dotato di Utic ed emodinamica per effettuare la coronografia ed eventualmente la disostruzione del trombo. Ma all’ospedale di Via De Amicis non c’era posto.

L’unità intensiva era occupata con un altro infartuato. Il paziente è tornato al San Paolo. I 90 minuti considerati un tempo limite per effettuare le migliori terapie interventistiche dell’infarto acuto, sono inutilmente trascorse. La centrale del 118 ha cercato via radio un posto in un’altra unità di cura tra quelle di turno in città (oltre il Loreto c’è il Monaldi). Ma dall’ospedale collinare hanno risposto picche e anche altri centri intensivi (dotati di Utic ed emodinamica) non hanno concesso il disco verde. Infine la corsa a Caserta. Qui il paziente ha trascorso tutto il fine settimana senza praticare la coronarografia a causa dell’aggravarsi di altre patologie concomitanti (insufficienza renale e broncopatia) ed è stato trattato solo con i farmaci. Utili, certo, ma non il miglior trattamento possibile e che, se praticato subito (forse) avrebbe evitato di far scadere tanto le condizioni cliniche.

Fa acqua la rete tempo-dipendente del 118 per l’infarto del miocardio in città. Segni di cedimento che emergono soprattutto quando è di turno il Loreto Mare. L’ospedale di via Marina, privato della Cardiologia, (trasferita nelle settimane scorse all’Ospedale del mare), è anche sottoposto ad un surplus di attività raccogliendo un vastissimo bacino di utenza, compreso il centro storico, e non ce la fa. La Cardiologia, con emodinamica, del San Giovanni Bosco è di aiuto ma non basta, in quanto l’unità operativa della Doganella non funziona nell’arco delle 24 ore a causa delle carenze di personale. In provincia di Napoli non va meglio: sia a sud sia a nord le emodinamiche di Nola e Pozzuoli per ora sono a mezzo servizio.

CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Lunedì 19 Febbraio 2018, 22:59 - Ultimo aggiornamento: 20 Febbraio, 07:12
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-02-20 08:48:03
Chiedetelo alle "carte" della Madia !
2018-02-19 23:24:32
fate schifo.. se fosse stato l'amico dell'amici sicuro il posto lo facevate uscire

QUICKMAP