Nonna camorra: vedova di 72 anni
a capo del clan del Vesuviano

di Dario Sautto

  • 818
Spaccio in strada e consegne di droga a domicilio. Appuntamenti via sms e chat, con utilizzo di parole in codice. Droga e armi a portata di mano e custodite dalle donne. Vari nuclei familiari impegnati nella gestione delle singole piazze nel rione Provolera. Il blitz della scorsa notte ha portato i carabinieri della compagnia di Torre Annunziata ad eseguire un’ordinanza di custodia cautelare nei confronti di 22 indagati, accusati di detenzione e spaccio di cocaina, crack e marijuana e detenzione illegale di armi. 
L’inchiesta, chiusa a giugno, è partita a gennaio dello scorso anno, subito dopo l’agguato che quasi costò la vita al giovane incensurato Vittorio Nappi. Una delle ipotesi portava al mondo dello spaccio del rione Provolera, uno dei quartieri più caldi, stretto tra nuove leve e gruppi storici legati alla famiglia dei «bicchierini», il soprannome affibbiato ai Venditto.
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Venerdì 21 Settembre 2018, 22:46 - Ultimo aggiornamento: 22 Settembre, 10:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP