Operai licenziati a Pomigliano,
«via crucis» da De Magistris

5
  • 186
«Via crucis» organizzata a Napoli dai cinque metalmeccanici Fca licenziati perchè inscenarono il funerale dell'ad Sergio Marchionne davanti ai cancelli dello stabilimento di Pomigliano. Gli operai hanno simbolicamente raccolto una grossa croce di legno dal mare del porto «In memoria - hanno spiegato - dei migranti morti in mare» e poi , indossando maschere con le sembianze di un ragazzo nordafricano, hanno raggiunto palazzo San Giacomo dove ad attenderli c'era il sindaco di Napoli Luigi de Magistris.

Giovedì 14 Giugno 2018, 17:21 - Ultimo aggiornamento: 14-06-2018 17:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-06-15 07:54:50
e Maria Maddalena .....chi a fa' ??
2018-06-15 07:25:20
L´hanno voluto loro. Avrebbero lavorato come migliaia di loro colleghi senza fare i pagliacci con proteste che non hanno alcun valore se non quello di farsi notare sui giornali ed avrebbero protestato civilmente tutto ció non sarebbe successo, Adesso é normale che devono paghare ,ci dovevano pensare prima.
2018-06-15 06:17:44
I NUOVI CROCIATI.
2018-06-14 21:13:15
Nessuna pietà per questa gente. Cosa pretendono, di attaccare l'azienda e mantenere il posto di lavoro? Ora sfruttano a fini personali anche problemi ben più gravi dei loro, i mgrati. Che c'entrano?
2018-06-14 17:50:38
Ma non hanno mai pensato di lavorare come scenografi a teatro o nelle rappresentazioni di piazza? Secondo me hanno futuro in questo campo

QUICKMAP