Sommersa da formiche a Napoli,
revocata la sospensione del medico

15
  • 175
Revoca della sospensione per il medico e un supplemento di indagine per gli infermieri. Al termine della indagine del Servizio ispettivo, inviato dai vertici della Asl Napoli 1 nell'Ospedale San Giovanni Bosco, dove una donna ricoverata era stata sommersa dalle formiche, Mario Forlenza ha chiesto degli approfondimenti perché «la relazione che mi è stata consegnata non rispondeva a tutti i quesiti che avevo posto». Così, nell'attesa che arrivi l'esito delle ulteriori indagini, Forlenza ha firmato il provvedimento con il quale viene revocata la sospensione per il medico «poiché è stata accertata la sua estraneità ai fatti: era al Pronto soccorso, all'osservazione breve intensiva». Di conseguenza, è stato anche «archiviato il procedimento disciplinare che avevamo aperto a suo carico». «Diversa la situazione per gli infermieri (sospesi in seguito alla vicenda, ndr.) - ha concluso - per i quali ci sono state valutazioni che mi hanno portato a chiedere un supplemento di indagine. Solo al termine decideremo». 
Martedì 20 Novembre 2018, 15:16
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 15 commenti presenti
2018-11-21 11:21:35
bruno1997 , a me sembra che anche tu vuoi minimizzare sulle morti in sala operatoria in veneto e vuoi "strombazzare" sulle formiche di napoli(che pur sono una schifezza inaudita) ma non hanno ammazzato nessuno, in veneto le infezioni sono scaturite da cattiva pulizia, cattiva disinfezione e manutenzione della sala operatoria. per che qua non si sta discutendo su come fare per migliorare la sanità e l'italia ma stiamo discutendo su chi sono peggiori o migliori gli italiani del sud o gli italiani del nord dimenticandoci che facciamo parte della stessa nazione.!
2018-11-21 10:35:09
kropotkin, non ci sarà la stessa attenzione mediatica! ieri su un giornale di milano mi hanno censurato un post 6 volte e non era offensivo di nessuno ma stigmatizzavo che le formiche a napoli avevano sollevato(giustamente )un polverone, mentre un batterio che uccide in sala operatoria al nord non provoca polveroni e hanno cercato mille scusanti per non farsene carico.detto questo , secondo me quel' filmato delle formiche al san giovanni bosco è un agguato alla ditte di pulizia da parte di un concorrente del settore, tante formiche in pieno inverno e con tanto personale in una camera di terapia intensiva mi "puzza"!
2018-11-21 09:56:39
no Brucoco non si gioisce per questa vicenda tristi e neanche per quelle del Veneto, queste cose non devono accadere e basta! tra l' altro quanto accaduto a Napoli non è un incidente per un errore di valutazione o terapia in questo caso è il menefreghismo più assoluto a farla da padrone, io non posso credere che una paziente in come sommersa dalle formiche sia passata inosservata a tutto il reparto! e se così è stato allora ancora peggio, gli infermieri dovrebbero fare dei giri di ispezione ad i malati con una certa regolarità, quindi secondo me in tanti sapevano e in tanti hanno fatto finta di non vedere per non fare del lavoro supplementare. Ora il medico già è stato scagionato tra poco toccherà agli infermieri e la colpa sarà della paziente (in coma) che non ha avvisato nessuno.
2018-11-21 09:21:00
Come al solito tutto finisce a tarallucci e vino
2018-11-21 06:14:47
Tutti sanno che da anni al don Bosco comanda la camorra di Secondigliano: bar, ristorante, pulizie, parcheggio, sono gestiti da criminali, entrano e impongono visite e certificazioni. Non ci vuole niente ad attirare le formiche laddove la pulizia è un miraggio, per ritorsione contro qualcuno. Il problema è: che ci fa una paziente intubata in un reparto aperto? Ma soprattutto perché i direttori sanitari che si sono succeduti, non hanno mai denunciato le criminali ingerenze alla procura?

QUICKMAP