Fondazione Campania dei Festival, l'ultimo atto del cda: sì al nuovo statuto

di Davide Cerbone

Si siedono intorno al tavolo di via dei Mille per l'ultima volta nella controra di un caldo pomeriggio di inizio luglio. Prima di passare la mano, i consiglieri di amministrazione della Fondazione Campania dei Festival propongono le osservazioni sulle modifiche allo statuto che di fatto cancella il cda, e dunque il loro ruolo. Rilievi che la stessa Regione Campania, socio unico della Fondazione che organizza e gestisce il Napoli Teatro Festival Italia, aveva sollecitato.

E che ieri il consiglio presieduto da Luigi Grispello e composto dal presidente di Scabec Antonio Bottiglieri, dal rettore del Suor Orsola Benincasa Lucio D'Alessandro e dalla manager culturale Cristina Loglio (collegata in videoconferenza) ha prodotto con piena unità d'intenti. «Il Consiglio di amministrazione della Fondazione Campania dei Festival si è riunito per esaminare le modifiche al proprio statuto proposte dalla giunta regionale, valutando positivamente la nuova architettura di governance - si legge in una nota stampa. In particolare sono state condivise le figure dell'amministratore unico e del segretario generale. Nel contempo, il consiglio all'unanimità ha formulato alcune osservazioni dirette a rendere più efficace e funzionale la riforma statutaria proposta».
CONTINUA A LEGGERE L'ARTICOLO:
  • Accesso illimitato agli articoli
    selezionati dal quotidiano
  • Le edizioni del giornale ogni giorno
    su PC, smartphone e tablet
SCOPRI LA PROMO



Giovedì 5 Luglio 2018, 11:08 - Ultimo aggiornamento: 05-07-2018 11:08
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP