Mastella inaugura il suo movimento
«Intercettazioni, mia legge a prova Ue»

  • 1
«Torno non per candidarmi ma per dare una direzione alla politica di oggi e per fare da regista e rimetterla in contatto con i territori, dove la gente non ascolta più i politici perché non si sente ascoltata da loro». Così, Clemente Mastella, ex ministro della giustizia e oggi sindaco di Benevento, spiega il suo ritorno sulla scena nazionale con il movimento «Noi Campani», lanciato oggi un una affollata sala a Napoli. Accompagnato dalla moglie Sandra, ex presidente del Consiglio regionale della Campania, Mastella ha chiamato a raccolta «i veterani della politica - spiega - i presunti rottamati che ora devono rispondere al fallimento del populismo cibernetico di Grillo e a quello calato dall'alto di Renzi». Il nuovo movimento sarà subito in campo con candidati alla prossima tornata amministrativa a Pompei, Nocera e Maddaloni: «Ci presenteremo alle Regionali, ai prossimi appuntamenti comunali e sul piano nazionale aspettiamo la legge elettorale, perché un ritorno al Mattarellum sarebbe ideale per la nostra idea di dare voce ai territori». Il movimento di Mastella si colloca al centro: «Nelle realtà locali - spiega - l'impegno è sia a sinistra che a destra, l'orientamento non è scontato ma restiamo l'area centrale». E dal centro, Mastella guarda alla periferia, lanciando anche un messaggio al governatore della Campania De Luca: «Chiediamo la fine immediata della desertificazione delle aree interne, chiediamo di riequilibrare le zone interne e la fascia costiera. In Campania c'è una doppia centralità tra Napoli, con i suoi problemi eterni e la popolazione enorme, e Salerno, rappresentata dal presidente della Regione. Ma noi non possiamo essere isolati sulla mobilità e senza investimenti su turismo e i beni culturali». Mastella, passato assolto attraverso diverse vicende giudiziarie ma con ancora il processo sulle presunte irregolarità sulla sanità in Campania, ha trovato nuovi stimoli: «Sono tornato nella mia realtà di Benevento - racconta - e ho visto sgomento e credo che chi ha esperienza debba dare qualcosa, non devo più fare carriera politica, l'ho già fatta e sono andato al di là del sogno di un ragazzino di un paesino di 600 abitanti, ora vorrei fare il pedagogo perché la politica torni alla normalità».

«Se il Pd, quando presentai il disegno di legge sulle intercettazioni, avesse dato eseguito anche al Senato gli impegni presi dopo l'ok della Camera, oggi l'Italia avrebbe una legge al pari delle altre democrazie europee e internazionali». Lo ha detto Clemente Mastella, ex ministro della giustizia, intervenendo a margine del lancio del suo nuovo movimento «Noi Campani», sul dibattito in corso sulle intercettazioni dopo i casi della famiglia Renzi e di Consip. «Quella legge - ha detto Mastella - garantiva l'investigazione attraverso le intercettazioni per il contrasto alle criminalità organizzata, ma garantiva anche la persona umana e non il suo 'sputtanamentò pubblico. E garantiva anche la certezza che attraverso un responsabile in capo alla Procura non ci fossero, come spesso accade, motivi per ricercare eventuali addebiti, giusti o sbagliati che siano».
Venerdì 19 Maggio 2017, 19:56 - Ultimo aggiornamento: 19-05-2017 19:56
© RIPRODUZIONE RISERVATA




QUICKMAP