Niccolò Bettarini, processo immediato per i quattro del branco che lo ha aggredito

ARTICOLI CORRELATI
Processo con rito immediato per gli aggressori di Niccolò Bettarini. E’ quanto si appresta a chiedere la procura di Milano nelle prossime settimane per i quattro fermati accusati di tentato omicidio: lo scorso 1 luglio hanno assalito a calci, pugni e coltellate il figlio di Stefano e Simona Ventura davanti alla discoteca “Old Fashion”. Il pm Elio Ramondini e gli investigatori della squadra mobile stanno ancora lavorando per identificare tutte le persone indagate in concorso per tentato omicidio. Da quanto si apprende è stato accertato che il coltello, usato da Davide Caddeo, il ventinovenne che è stato anche sottoposto a sorveglianza speciale, sarebbe passato di mano in mano dopo il blitz contro Bettarini prima di essere nascosto. E non è stato più trovato.
 
 

“Non sono mai stato bravo a raccontarmi. Ma, ora che sto migliorando, sento che sia giusto e doveroso dire diverse cose. Innanzitutto voglio in questo momento ringraziare la mia famiglia che mi è sempre stata vicino, nei momenti felici come in quelli brutti. Nessuno come lei ha saputo trasmettermi quella forza che mi ha permesso di non mollare mai. Sono un ragazzo fortunato e, mai come ora, sento veramente di esserlo, non solo per il fatto di essere qui a scrivervi questo post, ma anche perché so di avere degli amici che mi hanno salvato la vita. Sono cresciuto credendo nell’amicizia, è un valore fondamentale nella mia vita e farei qualunque cosa se degli amici fossero in difficoltà. Sarò sempre grato al pronto intervento dell’ambulanza e del trauma team dell’Ospedale Niguarda di Milano. Da questa esperienza esco più forte di prima, con la consapevolezza di aver rischiato tanto. Ringrazio, inoltre, la questura e le forze dell’ordine per il lavoro che stanno svolgendo. Grazie a tutti per l’affetto che ci avete dimostrato. Ricordate sempre di essere voi stessi ma soprattutto, ricordate chi siete”. Niccolò Bettarini

Un post condiviso da Niccolò Bettarini (@mr_bettarini) in data:


Intanto, per Bettarini e i suoi familiari un avvocato dello studio Coppi ha preso contatti con la procura per seguire il procedimento. E sulla scrivania del pm è arrivata anche la denuncia relativa a un’altra aggressione meno grave nella discoteca a fine giugno, ma che non risulta collegata a quella di cui Bettarini è stato vittima. Per il gip - che nei giorni scorsi ha disposto per i quattro la custodia cautelare in carcere - Davide Caddeo, accusato di aver sferrato le otto coltellate, Alessandro Ferzoco, Andi Arapi e Albano Jakej, si erano «certamente» prefigurati che quel pestaggio e quei fendenti in «parti vitali» con una lama da 20 centimetri «avrebbero comunque potuto produrre conseguenze mortali», anche in considerazione della «loro superiorità numerica e della violenza della loro azione». Da qui l’accusa di tentato omicidio, ma anche quella di lesioni per i calci sferrati alla fidanzata di Bettarini che era intervenuta in sua difesa.

 

Da quella «brutale aggressione», infatti, il diciannovenne è riuscito a salvarsi soltanto grazie all’intervento della fidanzata e di alcuni amici e, in particolare, di uno di questi che si è gettato nella mischia facendo in modo che, dopo l’ultimo fendente, la «furia aggressiva» del branco si placasse. Mentre le indagini proseguono per arrivare a identificare gli altri giovani che avrebbero preso parte al blitz violento, il pm Ramondini nelle prossime settimane dovrebbe chiedere il giudizio con rito immediato (si salta la fase dell’udienza preliminare) per i quattro che si trovano a San Vittore.
Mercoledì 11 Luglio 2018, 18:58 - Ultimo aggiornamento: 12-07-2018 18:21
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
2 di 2 commenti presenti
2018-07-12 12:09:30
Se fosse stato un figlio di un operaio nemmeno la notizia c era
2018-07-12 09:01:35
Eh certo almeno x loro VIP....i processi sono veloci...ovviamente solo quando stanno dalla parte della ragione

QUICKMAP