Kenya, media: almeno 10 morti nei violenti scontri dopo la rielezione del presidente Kenyatta

Scontri in Kenya (Ansa)
ARTICOLI CORRELATI
Secondo l'opposizione, in Kenya «le forze di sicurezza hanno ucciso più di cento persone, tra cui dei bambini, durante la repressione delle proteste seguite all'annuncio della rielezione del presidente uscente Uhuru Kenyatta».

La notizia è stata riportata da media locali. Gli uomini dell'opposizione non hanno fornito prove del numero di uccisi. Uno dei suoi esponenti, James Orengo, in conferenza stampa ha accusato le forze dell'ordine di aver provocato le violenze. E Johnson Muthama, sempre della coalizione dell'opposizione che ha sostenuto lo sconfitto Raila Odinga, ha assicurato che chi si oppone al regime di Kenyatta non si farà intimidire.

Sono almeno dieci, fra cui una bambina di nove anni morta a Nairobi, le persone rimaste uccise nelle violenze scoppiate in Kenya dopo che ieri è stata proclamata la vittoria del presidente uscente Uhuru Kenyatta nelle presidenziali e l'opposizione ha dichiarato il risultato nullo per presunti brogli e il voto una «farsa».

Secondo i media locali, fra cui The Star, durante la notte almeno 9 giovani sono stati uccisi dalla polizia a Kisumu, roccaforte del candidato perdente, Raila Odinga. La polizia kenyana afferma che le uccisioni sono da collegarsi a episodi di sciacallaggio. I corpi, scrivono i media, sono stati portati all'obitorio. Diversi i feriti: nell'ospedale di Kisumu sono ricoverate quattro persone con ferite di arma da fuoco e almeno altre sei con traumi da pestaggio.

Alcuni testimoni, citati da The Star, affermano che agenti della polizia compiono pestaggi nelle case. Le tv mostrano poliziotti in assetto antisommossa e che fanno uso di cannoni ad acqua nel sobborgo di Kibera, alle porte di Nairobi, altro territorio che ha votato in massa per Odinga.
Sabato 12 Agosto 2017, 15:08 - Ultimo aggiornamento: 13-08-2017 18:57
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP