La vita napoletana di Miss America: «Adoro la pasta e la pizza. Voglio girare presto nei vicoli»

di Cristina Cennamo

4
  • 926
«Cucino la pasta come una napoletana. Adoro la pizza. Mi piacerebbe saperla fare. Proverò a imparare quando sarò a Napoli. Voglio girare nei vicoli, guardare come impastano, come la mettono nel forno». Parole di Miss America made in Napoli. Sì, proprio lei, la regina di bellezza e scienziata Kara Mccullogh, nata a Napoli 25 anni fa da genitori militari Usa. «Fu mamma a scegliere di partorirmi a Napoli», puntualizza Kara dalla sua base a New York. Il suo nome è tra i più ricercati all'ombra del Vesuvio quando da Oltreoceano è rimbalzata la notizia della sua elezione a Miss America, dove aveva partecipato come rappresentante del Distretto della Columbia, lei, giovane chimica laureata alla South Carolina State University. È la sua città natale che ora vuole sapere di più.
 
 

Che effetto le fa sapere che anche Napoli è entusiata e festeggia la sua elezione a Miss Usa?
«Non me l'aspettavo questo affetto. I miei genitori mi hanno sempre raccontato solo cose belle dell'Italia e degli italiani, ma in fondo io a Napoli non ci sono mai stata davvero e quindi non pensavo che qualcuno lì si potesse davvero interessare a me».

E invece i napoletani sì.
«Sono stata davvero molto contenta di vedere l'articolo che il Mattino mi ha dedicato. Chi se l'aspettava. Me lo sono fatto mandare fin qui perché tra i tanti che ho letto è stato senza dubbio uno di quelli che mi ha maggiormente incuriosito. E poi devo dire che ho ricevuto tanti commenti sui miei profili social da follower napoletani. Un'ondata di affetto che non poteva che farmi piacere».

Torniamo al suo legame con la città.
«Sono orgogliosa. Napoli è un mito negli Usa. In realtà, è stato solamente un caso la mia nascita a Napoli. Mia mamma, che a quei tempi lavorava nella U.S. Navy, ha voluto partorire in un ospedale pubblico napoletano. Una scelta assolutamente personale visto che, in realtà, noi vivevamo in Sicilia e precisamente nella base di Sigonella. Mamma al momento del parto optò per una struttura senz'altro più scomoda in quanto molto distante ma nella quale nutriva maggiore fiducia».

Di che ospedale si trattava?
«Preferisco evitare di fare nomi perché, adesso che ho vinto il titolo, si potrebbe pensare che sto facendo pubblicità a qualcuno e non mi sembra il caso. Posso dire però che si trattava di un ospedale pubblico e che si trovava nel centro di Napoli».

Insomma, napoletana per fiducia. Ed è mai tornata?
«La mia famiglia rimase in Italia per altri cinque anni, e so che di tanto in tanto è capitato di passare per Napoli soprattutto all'inizio, ovviamente, per le visite di controllo. Ma non lo metto nel conto. Un mio cugino che pure lavora nella marina, è stato mandato in Sicilia e qualche anno fa ho colto l'occasione e sono andata a trovarlo. Mi sarebbe piaciuto vedere anche Napoli».

Verrà prima o poi?
«Certo, è un sogno che ho da tempo e soprattutto ora che ho percepito tanto calore e tanto affetto sarei davvero contenta di poter fare una vacanza a Napoli. Ho in animo di prendermi un periodo di riposo dalle tre settimane ai due mesi: il minimo per visitare un Paese. Mi piacerebbe girare per i vicoli storici della città, visitare le chiese e i monumenti. Amo molto tutto ciò che ha a che fare con la pittura, gli affreschi e le tradizioni ed ho visto dei siti molto belli in cui mi piacerebbe andare».

Ma quando la gente legge sul suo documento che è nata a Napoli, cosa le dice?
«Ovviamente è un dato che balza subito all'occhio, e che io stessa dico se capita. Le persone mi chiedono come mai io sia nata a Napoli e racconto più o meno la stessa storia. Per noi americani Napoli fa rima con mare, sole, allegria e tante altre cose belle. Dice che ci sono anche notizie poco gradevoli? Sarà, ma noi non ci facciamo caso e del resto chi nutre pregiudizi su posti o persone senza averne una diretta esperienza non è mai da prendere in considerazione».

Pare che lei sia una cuoca provetta...
«Non proprio provetta, ma mi piace. Questo si. Amo molto la cucina italiana. In particolare mi piace la pizza, quella con il prosciutto e i funghi che so che non è l'originale ma da noi si usa molto. Non ho mai imparato a farla da sola, ma mi piacerebbe. Invece me la cavo bene con la pasta, che cucino spesso con una salsa a base di besciamella, funghi, prosciutto e pomodori con una spruzzata di formaggio: a me piace moltissimo. Qualche tempo fa ho mangiato pasta quasi tutti i giorni per due mesi. Fa ingrassare? Mah, a me non sembra».
 
Venerdì 19 Maggio 2017, 09:19 - Ultimo aggiornamento: 20-05-2017 10:45
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
4 di 4 commenti presenti
2017-05-20 10:33:05
Caro s. gennaro, ma come fai ad essere così...chiuso mentalmente da non accorgerti che la nascita (sia pure causuale) a Napoli e le parole della miss - che sicuramente avranno fatto il giro di mezzo mondo - potranno solo contribuire a diffondere un buona immagine della città (spesso volutamente calunniata nell'Italia (finto)unita. E San Gennaro solo sa quanto Napoli ne ha bisogno.
2017-05-19 13:59:09
Che paese provinciale e senza doti quello che si vanta di aver dato i natali a una Miss. Ma cosa ha a che fare una figlia di entrambi i genitori stranieri e di passaggio, che non ha speso neanche un giorno a Napoli nè tanto meno ha fatto attività nel territorio nazionale? Poteva nascere in Cina, Papuasia, sud America etc, lei sarebbe sempre la stessa. Il paese dove ha visto la luce non ne avrebbe i meriti in nessun caso
2017-05-20 07:57:14
Ciao vedi io sono Nata a Napoli per caso ma ho sempre voluto vivere in America e ci son riuscita. Miss America e' Nata a Napoli ed ha tutto il diritto di avere la cittadinanza Italiana come esiste in America nascere sotto o sopra un altro equatore e' indice che sei anche accompagnato da una buona stella se credi alle energie dell Universo... se apri di piu' il tuo cervello e non essere una cosi' mente chiusa potrai constare che questa bella ragazza Americana di origine ma Nata in Italia ha anche vinto il concorso di Miss America era nata sotto una buona stella! informati che molti figli di gente famosa in Italia li fanno Nascere all estero .. io se avessi avuto un figlio / a, lo avrei fatto nascere in Svizzera ( motivi Bancari credo) hahha ci sono asiatici che fanno nascere I loro figli in America partono dal Japan o Cina ... ed invece la ragazza I meriti li ha eccome ma lei S Gennaro e' troppo mediocre per capirli. viaggi un po' si espanda apri la mente e ' vedra che nascere in un posto non vuol dire morirci o viverci. non e' scritto neanche nella bibbia che dobbiamo morire o vivere dove siamo nati .
2017-05-19 09:31:22
CIAO KARA come to Texas I teach you how to make a real pizza Neapolitan we can grill it outdoor on stone in my back yard! Ciao Kara congratulazioni se ti va vieni in Texas ti insegno io come si fa la vera pizza Napoletana infornata fuori al grill sulla pietra nel mio giardino dimenticavo so fare lnche I Panini ciabattine peccato che non posso allegare foto qui.

QUICKMAP