Manovra, allarme di Bce e Fmi sui conti. Juncker: «Italia non rispetta la parola data»

Manovra, Juncker: «L'Italia non rispetta la parola data»
ARTICOLI CORRELATI
Fondo monetario, Bce, Unione europea. Le istituzioni internazionali lanciano un nuovo allarme sulla politica economica del governo italiano, in quello che, a pochi giorni dal varo della manovra 2019, sembra un vero e proprio accerchiamento della Troika intorno a Roma. I toni scelti per ammonire l'Italia hanno lasciato poco spazio all'interpretazione, ma sembrano non aver impensierito troppo Giuseppe Conte e i suoi vicepremier. Per replicare Luigi Di Maio ha scelto anzi la strada dell'ironia: «ci manca solo la Nasa», ha obiettato su Facebook. 

GUARDA ANCHE Meloni a Juncker: «Ti offriamo una grappa se difendi i prodotti italiani»
LEGGI ANCHE Manovra, Fmi: «Direzione sbagliata». Draghi: «Rispettare patto di stabilità»

Ma più che l'Agenzia spaziale americana ad intervenire è stata la Nato (una new entry) che - di fronte alle intenzioni espresse dallo stesso leader 5S di ridurre «la spesa militare inutile» di 500 milioni - ha sollecitato tutti gli alleati, «Italia inclusa», a rispettare l'obiettivo di spendere per la difesa il 2% del Pil. La tensione ha contraddistinto l'intera giornata. Il primo attacco è arrivato proprio dal Fmi che, riunendo a Bali economisti, ministri e governatori delle banche centrali, ha definito la direzione presa dall'Italia «opposta» a quella suggerita. Senza riferimenti diretti a quello che è anche il suo Paese, il presidente della Banca centrale europea, Mario Draghi, ha invece ricordato che per gli Stati ad alto debito pubblico «la piena adesione al Patto di stabilità è fondamentale».

Un richiamo reso ancora più esplicito da Jean Claude Juncker, entrato ancora una volta in rotta di collisione con Matteo Salvini. L'Italia «non rispetta la parola data», ha affermato il presidente della Commissione Ue, respingendo l'immagine di «mostri chiusi in un bunker» affibbiata ai vertici europei dagli esponenti del governo italiano. «Un bel tacer non fu mai scritto. Juncker pensi al suo paradiso fiscale Lussemburgo», l'immediata replica del leader della Lega. In un clima dunque tutt'altro che disteso, l'azione da pompiere di Giovanni Tria, ancora una volta, non è bastata. Il ministro, protagonista peraltro dell'ennesimo scontro con Di Maio stavolta sul futuro di Alitalia, ha trovato la sponda del governatore di Bankitalia, Ignazio Visco, sostanzialmente morbido nei confronti del titolare del Tesoro nonostante le accuse rivolte a Via Nazionale dai vicepremier dopo le polemiche sulla Nota di aggiornamento al Def. Le sue rassicurazioni sul calo del debito e sui titoli di Stato italiani, arrivate nello stesso giorno in cui il presidente della Repubblica Sergio Mattarella ha incontrato le banche estere, sono sembrate in netto contrasto con l'analisi del Financial Times che ha invece descritto come potenzialmente «catastrofica» la spirale che si potrebbe innescare proprio tra il debito pubblico e gli istituti di credito italiani che lo detengono per oltre 380 miliardi.

Allo stesso modo la volontà annunciata da Conte di spiegare la manovra in Europa con la certezza di poter convincere i partner europei della bontà dell'azione di governo non ha persuaso i diretti interessati. Sposando la linea Juncker, i Paesi del Nord Europa che parteciperanno all'Eurosummit di giovedì a Bruxelles si sono detti anzi pronti a ribadire all'Italia la necessità di rispettare le regole del Patto di stabilità. Prima di allora il governo dovrà inviare alla Commissione il Draft Budgetary Plan, il documento in cui verrà delineata la manovra 2019 e sui cui l'Europa si esprimerà. La scadenza entro cui trasmettere il documento è la mezzanotte di lunedì, ma l'articolato vero e proprio della legge di bilancio, secondo il sottosegretario alla presidenza Giancarlo Giorgetti, potrebbe invece arrivare qualche giorno dopo (il termine per l'invio in Parlamento è il 20 ottobre), con uno slittamento dunque rispetto ai tempi stretti indicati ieri dal Movimento 5 Stelle. Lunedì dovrebbe invece essere il giorno di approvazione in consiglio dei ministri del decreto fiscale collegato alla manovra, di cui però al momento al Quirinale, secondo quanto riferiscono fonti parlamentari, non è stata anticipata «nemmeno una riga».
Venerdì 12 Ottobre 2018, 14:21 - Ultimo aggiornamento: 13 Ottobre, 16:23
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 8 commenti presenti
2018-10-13 16:38:38
Salvimaio con bimbo al seguito stanno facendo solo ammuina per arrivare a maggio, vincere le europee e mettere le mani sull'unione,assieme agli altri amiconi ,lepen-inazitedeschi-orban-et simili.Potranno finalmente spartirsi il bottino,provando a scaricare il ns debito sull'europa e spendendo il maltolto con grande gioia dei taliani.Purtroppo le agenzie di rating arrivano a fine ottobre declassando il ns debito al livello dei bond venezuelani,per questo crollera' la borsa,le banche,causa fuga degli investitori e , passato il periodo di ubriacatura ci ritroveremo fuori dall'euro con inflazione al 1000x100 ................................
2018-10-13 14:02:45
Il "Romano dell'euro" ,parla di un "grande mercato"... di una "comune politica economica con la creazione dell’Euro".....mah,mi chiedo dove vive !....
2018-10-13 08:03:51
Aspettiamo le prossime europee a breve e noterete come cambieranno tutti i personaggi e le idee sulla politica Italiana. La sinistra è morta grazie al cielo, sono gli ultimi colpi di coda.
2018-10-12 21:34:51
Questi sono i risultati di chi ci ha condotto ....nell' "euroeuropa" !....
2018-10-12 18:45:41
sai che novità (e poi la parola di salvini e di maio!!) quando mai l'itaglia a mantenuta la parola o le alleanze??? basta pensare che non ha mai finito una guerra con chi l'ha iniziata!!! un modo come un altro per aumentare il prestigio e la considerazione in europa!!!!

QUICKMAP