Migranti, nave Maersk a Pozzallo. Salvini: siamo buoni, non come Macron

Migranti, cargo Maersk a Pozzallo. Salvini: siamo buoni, non come Macron
ARTICOLI CORRELATI
0
  • 421
«Abbiamo il cuore buono a differenza di Macron». Il ministro dell'Interno, Matteo Salvini, commenta così l'ok allo sbarco della Maersk, la nave cargo con 108 migranti a bordo che da giorni stazionava al largo di Pozzallo. «Le Ong non toccheranno mai più un porto Italiano», ha ribadito Salvini. «Il cargo aveva persone da soccorrere su indicazione della guardia costiera, che è lo Stato italiano», ha spiegato il ministro. Piena sintonia con Toninelli. Il ministro delle Infrastrutture del M5S è d'accordo con il capo del Viminale sul fatto che la guardia costiera italiana non risponda agli sos di navi in difficoltà che si trovino in zona libica. 

LEGGI ANCHE Migranti, Salvini: «Guardia Costiera non raccolga gli sos dai barconi. Hotspot ai confini sud della Libia»

«La Guardia Costiera - ha detto 
Toninelli a Radio Anch'io - opera in autonomia tecnico giuridica e non devo essere io a dire di rispondere oppure no» alle richieste di salvataggi ma «secondo noi, in continuità con il governo precedente che ha giustamente rafforzato la guardia costiera libica, se uno dei gommoni ci chiama ma è in zona libica rispondiamo che non possiamo intervenire perché è in un'area a responsabilità giuridica non nostra». Quanto alla sintonia con il vicepremier leghista Toninelli conferma di non essere in disaccordo con  lui: «Ci sentiamo tutti i giorni».

Il nodo degli Sos. Secondo il ministro, sulla Guardia Costiera «si è montato ad arte un caso», ricordando come negli ultimi anni abbia salvato 600mila vite. Quindi, aggiunge il ministro, «se uno di questi gommoni della morte è a 25 miglia dalle coste libiche e sono presenti motovedette di Tripoli noi non possiamo avere responsabilità». «Non abbiamo mai fatto morire nessuno. Se non ci sono altre autorità responsabili continuerà a intervenire, non serve un mio ordine di intervento». La battaglia «è scindere il salvataggio in mare dalle gestione di richieste e non può farlo solo e sempre l'Italia».

Il caso Lifeline. Piena sintonia con Salvini anche sul caso Lifeline: «Mi sembra scontato che se la nave Lifeline dovesse approdare in Italia debba essere sequestrata, ho dato mandato alla Guardia Costiera di intervenire» seguendo «la legge visto che la stessa Olanda ha disconosciuto che sia» una nave olandese. «Poi se ci sarà un magistrato che voglia fare indagini ulteriori non spetta a me». Il ministro ha quindi spiegato come «salveremo i migranti e poi ci potrebbero essere novità cosi come con il caso dell'Aquarius. Se dovesse sbarcare in Italia chiederemmo agli altri paesi europei di ricollocarli».
Martedì 26 Giugno 2018, 09:38 - Ultimo aggiornamento: 26-06-2018 13:18
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP