«Salvini ragazzino». Bufera al Csm sul magistrato Cascini. Poi le scuse: «Mi sono espresso male»

«Salvini ragazzino». Bufera al Csm sul magistrato Cascini. Poi le scuse: «Mi sono espresso male»
ARTICOLI CORRELATI
9
  • 77
«Salvini non è più un ragazzino e deve avere un atteggiamento consono al ruolo». Bufera sulle parole pronunciate dal magistrato Giuseppe Cascini, capogruppo di Area al Csm, durante il plenum di Palazzo dei marescialli.

Parlando dello scontro tra il ministro dell'Interno e il procuratore Spataro andato in scena ieri, il magistrato ha detto: «Non possiamo trascinare questo Paese e le sue istituzioni nel mondo dei social. Non siamo ragazzini e se un ragazzino assume incarichi istituzionali bisogna fargli capire che non è più un ragazzino e che deve avere un atteggiamento consono al ruolo», dice Cascini che poi tuttavia precisa: «Non ho chiamato ragazzino il ministro dell'Interno. Se è sembrato così significa che mi sono espresso male e chiedo scusa».
 
Mercoledì 5 Dicembre 2018, 12:38 - Ultimo aggiornamento: 6 Dicembre, 07:14
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 9 commenti presenti
2018-12-05 19:31:57
Si è espresso molto male
2018-12-05 15:41:02
Vero! Un ragazzino fa meno danni di Salvini......
2018-12-05 15:30:44
secondo cascini, spataro andava difeso , cioè spataro ha bisogno di un tutore? se cosi è, come ci possiamo fidare degli atti e delle sentenze di spataro?
2018-12-05 14:22:51
La casta della magistratura...solo loro se sbagliani una sentenza non pagano! E' ora di finirla anche x non si può offendere alcuna carica istituzionale gialla,verde,rossa,nera,arcobaleno! confido nelle dimissioni dal ruolo che riveste del magistrato....mo la lascia a poltrona!
2018-12-05 15:21:08
il padano puo' farlo?

QUICKMAP