Migranti, Papa Francesco: piano Marshall per l'Africa, governi devono mettersi d'accordo

di Franca Giansoldati

Da bordo dell'aereo papale
È urgente un Piano Marshall per l'Africa. Un sistema di aiuti europeo sostenuto da tutti gli Stati e destinato ai Paesi teatro di una fortissima emigrazione. E' questo l'unico antidoto per ridurre drasticamente i massicci flussi migratori. Papa Francesco di ritorno da Ginevra dove ha incontrato i capi delle Chiese cristiane, benedice con convinzione il progetto che sta portando avanti la Cancelliera Merkel d'accordo con Macron.

Santità, in questi giorni abbiamo assistito all'odissea della nave Aquarius. Pensa che alcuni governi strumentalizzino il tema dell'immigrazione?
«Ho parlato tanto di questo tema. I criteri che ho individuato per i migranti sono accogliere, accompagnare, sistemare, integrare. Naturalmente poi spetterà a ogni Paese attuarli con la virtù della prudenza, il che significa che ogni governo dovrà fare le valutazioni più opportune su quanti rifugiati può accogliere, quanti può integrare, e a quanti può dare lavoro. Operando su un piano tranquillo e sereno. In Europa stiamo assistendo a una ondata di rifugiati in fuga dalle guerre e dalla fame. Guerra e fame sono, purtroppo, una costante in tanti Paesi dell'Africa. Nel Medio Oriente, invece, abbiamo le persecuzioni. In questi anni l'Italia e la Grecia hanno dimostrato una generosità incredibile ma sono stati ugualmente generosi la Turchia e il Libano che ha tantissimi siriani».

Che ne dice delle inchieste in corso per fare luce sul traffico dei migranti...
«Il problema del traffico dei migranti è complesso. C'è anche da risolvere il dilemma di quando, in alcuni casi, i migranti tornano indietro, quando vengono rimpatriati, dopo essere stati ritrovati nelle acque territoriali libiche. Io ho visto le foto. Appena arrivano si separano subito le donne e i bambini dagli uomini. E Dio solo sa cosa fanno i trafficanti. Conosco il caso del carico di umano di una nave che è finito in una specie di lager. Un lager come nella seconda guerra mondiale. Mutilazioni, torture e poi quando muoiono li buttano nelle fosse comuni».

La cancelliera Merkel da tempo si è fatta portatrice di una sorta di Piano Marshall per l'Africa. E' una buona idea?
«So che diversi governi vogliono fare un accordo e rivedere l'accordo di Dublino. Il problema della fame in Africa forse si può risolvere. Tanti governi europei stanno pensando a un piano di urgenza per investire in questi Paesi, per dare alla gente dell'Africa lavoro ed educazione e una scelta. Vorrei dire una cosa senza offendere: purtroppo nell'immaginario collettivo l'Africa sembra destinata a essere sempre sfruttata, ma questo paradigma deve cambiare. Serve un piano di investimenti per fare crescere il popolo africano che ha tante ricchezze culturali e i ragazzi sono dotati di una intelligenza grande. Con una buona educazione possono fare molto. Questa sarà la strada a medio termine da percorrere, anche se al momento devono mettersi d'accordo i governi per andare avanti e far fronte a questa emergenza».

Le migrazioni sono un problema ovunque ormai, anche negli Usa e non solo in Europa...
«Negli Usa c'è un problema migratorio grande. Come ho già avuto modo di dire sono totalmente d'accordo con quello che hanno detto nei giorni scorsi i vescovi americani, mi schiero con loro».

Cambiamo argomento e parliamo di ecumenismo. I vescovi tedeschi hanno fatto un passo avanti per acconsentire la comunione al coniuge di fede luterana delle coppie miste. Purtroppo su li loro è arrivata una decisione negativa da parte della Congregazione della Fede. Cosa è successo e quali saranno i prossimi passi?
«Nel Codice di diritto canonico quello che hanno studiato i vescovi tedeschi, la comunione in casi speciali, è contemplato. I vescovi tedeschi hanno voluto analizzare l'argomento e portando avanti un tema molto sentito in Germania. La Congregazione è intervenuta di seguito, dietro la mia autorizzazione perchè l'iniziativa risulta fatta dalla intera conferenza episcopale costituisce un precedente per la Chiesa universale. Ecco perché ai vescovi è arrivata una lettera. Ma non è un passo indietro e non va considerato tale. Sono seguiti due o tre incontri di dialogo e credo che presto ci sarà un documento orientativo perché ognuno dei vescovi diocesani possa gestire, nell'ambito della chiesa locale, quello che già il diritto canonico permette. Ma non c'è stata nessuna frenata».
Venerdì 22 Giugno 2018, 09:06 - Ultimo aggiornamento: 23-06-2018 18:20
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
5 di 5 commenti presenti
2018-06-23 05:58:23
Caro Papa Francischiello.....ma tutti questi giovani Africano e musulmani che lasciano la loro terra sono tutti figli di una SOLA MOGLIE E UN SOLO PADRE ?? Su ... insegna cosa dice la Parola di DIO dell'immoralità e le false religione e dove non si onora DIO!
2018-06-22 20:26:16
.finalmente il papa dice una cosa sensata!! sono anni che ripeto che per risolvere il problema degli emigranti africani ci vuole un piano MARSHALL da parte dei paesi ricchi a patto pero' che non vada ad arricchire esclusivamente i governanti e dittatori locali...
2018-06-22 13:17:07
Ma quale piano marshal per l'africa che cresce del 6 % all'anno;solo che la popolazione cresce troppo in fretta.Il piano Marshal andrebbe fatto per l'italia che non cresce,non fa figli ,deve ripagare un debito enorme e in più deve prendersi in carico i migranti africani.E' tutta una presa in giro con Toninelli che cerca un pretesto per prendersi i migranti della nave olandese e il Salvini che si barcamena sapendo che mai doveva lasciare la guardia costiera in mano ai 5 stelle del ministero dei trasporti.Non a caso la migliore cosa che fa è trasportare migranti.Sono anche ridicoli perchè non vogliono che la Francia dica loro cosa fare ma in compenso vogliono dire a Malta cosa fare.Malta ovviamente fa le cose benissimo visto che dalla crisi libica riesce anche a guadagnarci.Dicono che la priorità è salvare vite;ma con tutti gli africani pronti a partire,già questa frase li incoraggia.anche un idiota sa che tenere navi ai confini della libia attira i barconi e stimola le partenze.L'unica soluzione è ignorare il problema e chiudere le frontiera a navi ong e a chiunque carichi migranti.
2018-06-22 11:44:00
Il piano Marshal dovrebbe metterlo apunto I paesi europei che hanno colonizzato l'Africa e che la tengono ancora sotto scacco con accordi unilaterali e colpi di stato che si susseguono (in particolare la Francia). Insieme a loro, le multinazionali del petrolio, dei diamanti, dell'oro, dell'uranio ecc. Non c'è necessità che l'Africa si sposti, c'è necessità che sfruttano regolarmente il proprio territorio. Non oggi chiaro, ma bisogna pur iniziare!!
2018-06-22 10:51:10
Giusto!dovrebbero farlo anche per l" europa" e per paesi come l'italia,Grecia,ecc.

QUICKMAP