Carla, malata di Sla perde l'assegno per le sue cure: Facebook si mobilita per aiutarla

Malata di Sla, da tre anni è tenuta in vita dai macchinari che le permettono di nutrirsi, e è tracheotomizzata, ma da quest'estate ha perso anche l'assegno per le cure di circa mille euro al mese. Carla Bocola è di Taranto ha 52 anni e da 7 ha scoperto di essere malata, nonostante le condizioni in cui la malattia l'ha ridotta, la donna non ha mai perso il sorriso e, pur non riuscendo a parlare, comunica con gli occhi e i suoi sorrisi alle persone che si prendono ogni giorno cura di lei.



Il marito e le figlie non la lasciano mai, ma la loro assistenza non è sufficiente e a Carla serve il monitoraggio continuo di personale qualificato. Ora avere questo tipo di cure è più difficile, vista la perdita dell'assegno dovuta a un nuovo bando che prevedeva l'assegnazione di un punteggio basato sulla gravità della patologia e l'Isee. Secondo la regione Puglia, nell'Isee è compreso l'accompagnamento e questo ha fatto perdere a Carla il diritto di quella somma di denaro necessaria per curarsi.



A denunciare quello che le sta accadendo è la stessa donna tramite Facebook dove riesce a scrivere tramite un apparecchio ottico. Carla ha già dovuto licenziare una delle persone che si prendevano cura di lei, perché non ha soldi per pagarla. La sua denucia però non è passata inosservata e in questi giorni si è avviata una campagna di solidarietà per la donna, nella speranza che possa riavere quello che le spetta. 
Lunedì 12 Febbraio 2018, 10:23 - Ultimo aggiornamento: 12-02-2018 12:31
© RIPRODUZIONE RISERVATA



COMMENTA LA NOTIZIA
0 di 0 commenti presenti

QUICKMAP